(per la traduzione italiana scorri fino in fondo)

INTRODUCTION
The city of Rome has the privilege of being able to share over two thousand years of history with the public, yet today faces complex challenges of building on such a past as it struggles in resolving social, political and environmental conflicts that encompass the city. The relationship between built and natural environments within the city can be seen as stages to view these tensions, where situations between the individual and collective, resistance and acceptance, and development and neglect confront themselves often revealing a sense of alienation from each other and from nature. And the further from the city center one moves the more these tensions are heightened. Yet within the peripheries there are markers of change that go against this cycle of division.

Porta Maggiore is a five-part transdisciplinary art project, generated by the production of a film that explores the relationship between the built and natural environments of the eastern periphery of the Roman suburbs, known as Roma Est. The work is informed by a series of interrelated enquiries including an attempt to link the spectacle of filmmaking to the process of individuation; a search for liminal spaces of the periphery and the sense of alienation behind them; to question the forms of resistance and acceptance within the process of change; and the desire to find unity between the individual and collective in a supposed ‘post-fascist’ culture.

The five parts to the project are: Film Course, Film, Nocturnal Projections, Community Action, and Solo Exhibit.

– Film Course: I taught a free experimental film class at the Ex Snia social center entitled Self and Otherness. The course brought together over 20 interested filmmakers from across Rome of various levels of production experience and age groups (March-May 2018). John Cabot University student internships have also taken place throughout the entire project covering aspects of production and curation.

– Film: The story of a film director as he travels through the Roman periphery in search of a story, joining documentary, fiction and projection modes of filmmaking into one feature-length film. (filming: March 2017-June 2021, final edit slated for February 2022).

– Nocturnal Projections: Within the production of the film there are 14  public projections, which will be recorded and treated as scenes in the film. (October 2018 to April 2021).

– Community Activism: The project is self-funded and supported by the assistance of neighborhood residents and organizations of Pigneto-Prenestino. Its production and eventual exhibition is inspired by a four yearlong dialog with the area in which it is being produced and will be eventually shown. This dialog includes helping organize community film screenings and events, the production of video works and the participation in community meetings and protests (February 2017-June 2021).

Audiovisual Works:

Curatorial Projects:

– Solo Exhibition: From this one film, a series of objects, prints and a video installations will also be built. These works will be exhibited as a solo art show on view at the central location of the film in Roma Est––Casa del Parco, Parco delle Energie, an independently run community center associated with Ex Snia social center (Spring 2022).

Preliminary Exhibitions:


FILM PROPOSAL

Story (within a circle a triangle attempts to break free from a square): Told through the lens of a fable, the semi-documentary film follows a director’s search for a story while he scouts exterior film locations in the suburban landscapes of Roma Est. His journey begins near Cinecittà, a once popular commercial film studio on the eastern edge of the city, and moves towards the eastern entrance to the city, Porta Maggiore, an ancient Roman gate formed by two meeting aqueducts. As he travels cyclically exploring the potential locations, political, environmental and social situations in the form of stories are revealed, stirring personal struggles in the form of dreams to come to the surface. Anchoring the journey is the discovery of the central location of the film––Lago Ex Snia, a recent naturally formed lake and ecosystem created through accidental and illegal human intervention, located within an abandoned viscose factory complex. This encounter and the interaction with the community that tries to preserve the lake ultimately changes the filmmaker’s course, putting into question the limits of his craft, his identity as director and the nature of transformation.

Method: Rooted in observation, fiction and performance the process of attempting the production of the film will become the story of the director’s journey, creating a collection of interconnected narratives that will be assembled in a feature-length film and video installation.

From January 2017 to June 2021 three methods of film production—documentary, fiction and projection––will be applied within each of the 14 locations that director is scouting in Roma Est. These locations will be use be used in two ways: as characters that will inform the central idea to a specific scene, combining the use of scripted dialogs, improvisation and documentary footage; and as public stages, where the act of filming and projecting will be treated as temporary installations and be open to the public’s interaction.

Mirroring these three methods of film production is Active Imagination––a Jungian meditative technique used in the process of individuation that brings the personal and collective unconsciousness into consciousness, creating the possibility of a psychological shift. This is achieved through three levels or perspectives: 1) observational––recognizing a feeling; 2) fantasy/dream––going into the feeling and facing it; and 3) expanded–– abstracting and dissolving the feeling by becoming familiar with it. Through this familiarity, the unknown qualities of the feeling becomes known and loses its power over the individual, allowing one to look at the images connected to that feeling and feel it with an expanded view.

The mirroring between the film production methods and the Jungian technique is explored in the following ways:

– Documentary based stories will represent the director’s research––reflecting the observation of a feeling.
– Fictional scenes will represent the director’s dreams and fantasies––reflecting the idea of going into a feeling.
– Nocturnal public projection installations will represent the meeting of the two modes of production, forming the third expanded view for the director. Where parts of the documentary stories and fictional scenes of that specific location will be projected onto an exterior structure of that location—reflecting a familiarity with the feeling, dissolving it and seeing it within a different perspective. The public projections will be treated as ‘location shoots’, which are normally closed off from the public, but in this production, are open, allowing for public interaction. Here interviews will be conducted with the public and/or a choreographed performance will take place in front of the projection. The entire event will be documented to then be included in the film, creating a form of mise-en-abyme.


EXHIBITION PROPOSAL

Spring 2022, Casa del Parco, Sala Ovale, Parco delle Energie, 175 Prenestina, Rome (an independently run community center associated with Ex Snia social center located within the same complex.

– The interior space of the community center will contain a large-scale video installation and a series of video objects.
– A series of discussions and workshops with the possibility of collaborations with other artists and scholars in connection with the project will be organized throughout the month.
– Ex Snia Logos Festival della Parola: To maximize greater viewership and collaboration the above-mentioned events will work in conjunction with Logos Festival della Parola organized by Ex Snia.
– Nuovo Cinema Aquila: screening of a theatrical version of the film at the local city run neighborhood cinema theater can be organized.
– Printed Catalog: production of a 36-page, color catalog containing images of the exhibit, video frames, film stills, sketches and texts by the artist. Brunella Antomarini, PhD, who teaches aesthetics and phenomenology at John Cabot University; Peter Saram, PhD; Assistant Professor of Media and Communication Studies at John Cabot University; and Federico Petrolati, PhD, who teaches philosophy and is a Pigneto neighborhood resident will provide introductions.


PROJECT TIMELINE

– January–May 2017: Marco arrives in Rome to teach at John Cabot University. Resides in Pigneto and begins to document the occupation of Nuovo Cinema Aquila and negotiations between community residents and the local municipality. Introduces work to the community screening a series of works and projecting onto the exterior on the theater on May 30, the last screening before it is handed back to the municipality (theater re-opens in the fall).
– September 2017–September 2018: research, preliminary filming and documentation of neighborhood resident meetings and their manifestations.
– October 2017: Marco participates in the Logos Festival organized by Ex-Snia with a performance entitled Cinema Espanso.
– March-May 2018: Marco teaches Self & Otherness a free weekly film class at Ex-Snia.
– June-October 2018: film pre-production and development.
– October 2018–June 2021: filming of locations––documentary, fiction and public projection performances, with first Public Projection Scene at Logos Festival, using it to test concept and production.
– October 2020-December 2021: editing
– March 2022: exhibition and catalog production
– March-September 2022: english translation/subtitles and festival submission


BACKGROUND INFORMATION

The Periphery of Roma Est: Roma Est is a triangular shaped eastern suburban territory of the city of Rome. It contains densely populated residential areas mixed with industrial factories, local shops and shopping malls. It was once the open country side of the ancient Roman empire containing its major Aqueducts leading to the city center, wealthy Roman villas and pagan catacombs remnants of which are all still visible today embedded within the many residential communities.

Within a short period of time from the beginning of the 20th century, Fascist industrial and residential projects, post-war reconstruction efforts, and modern urbanization have all led to a great transformation of the once open landscape, generating phases of poverty, development, over-development and also neglect. Italian film directors such as Rossellini and Pasolini picked up on these tensions and histories of the area and used the neighborhoods and/or its inhabitants as characters in their films commenting on the struggles of classism, wartime revolution and socialist ideals. These productions along with other local folklore reinforced its identity as an area that embraces resistance against fascist thought and an acceptance of diversity.

In recent years though this identity of inclusion is being challenged as it is faces economical, cultural and urban tensions as a new influx of African, Asian, Rom immigrants try to live with the local residents; as pockets of gentrification that capitalizes on the area’s decadence becomes more commonplace; as consumption and entertainment replaces traditional cultural forms; and as the loss of natural environments and its benefits becomes more and more apparent.

Lago Ex Snia- the lake that fights back: Rising against these trends are pockets of communities anchored by residential committees and independent social centers that through sustaining traditional customs, cultural programming and political protest resist the tensions that face their neighborhoods and try to provide a sense of inclusion for all residents. Pigneto-Prenestino contains a network of these groups, which also protect Lake Ex Snia, a recent naturally formed lake and ecosystem created through accidental and illegal human intervention, located within an abandoned viscose factory complex in that area.

The lake is the only “natural” lake in Rome and was produced after a developer was building a shopping center illegally within the large factory complex and tapped an underground spring. A body of water then formed around the half-built structure of what would have been a shopping mall. Since the lake was within a closed off area to the public an eco-system formed during the many years the developer was on trial for his crimes. The local community then upon discovery of the lake and to prevent further illegal building occupied the lake and since that time have maintained its current state while trying to officially protect it by submitting the lake’s status as a natural monument to the local and regional governments, which have yet to conclude on the lake’s final state.

Jung’s Psychology: Carl Jung’s teachings are based on the idea that our purpose in life is to reach a conscious state of being that is whole and complete. This wholeness is achieved through Individuation––the process by which a person integrates unconscious contents into consciousness, thereby becoming a psychologically whole individual. This in turn is Self-Realization, which is the release from persona and identification with the collective unconscious––an ongoing dialog between ego and Self in which the ego is relativized.

Individuation can only unfold in the context of a relationship with others. In life’s first half, individuation takes the form of adaptation to culture; in the second half, the ego turns inward and confronts the archetypal ground behind it. Individuation is the human expression of life’s inborn urge toward growth, expansion, and development of innate capacities. It is therefore both a synthesis and an entelechy of the self, a creation of the new and expression of something already present in germinal form. Individuation is not a road, it’s a spiral around the Self. Individuation begins with guilt and need for expiation due to splitting with conformity, for which the person must give some equivalent: values that help the community.

Expanded Cinema: Cinema has oscillated between traditional forms of story telling towards experimental approaches to narrative and its exhibition. Past Roman based filmmakers such as Pasolini, Fellini and Antonioni pushed the idea of film through their methods of production and subject matter. These works though were fixed to the projection in a dark theater, removing the ability for a direct dialog with the artist. The use of the projector outside of theater with installation and video art is not a new method and it was artists in the 60s who re-established the idea of expanded cinema, treating film as a material rather than just as means. Giving importance to the dialog with the spectator, often asking them to move within and around the work. Throughout the years though, this approach has been institutionalized with video installations living now mostly in museums for a specific audience. Lastly, live cinema, vj’ing and projection mapping have become popular forms of expression and have pushed the form of cinema and the place it is seen through affordable projection technology. Yet many of these audiovisual experiences remain tied to the idea of entertainment and avoid establishing a relationship with the place in which they are projected onto or produced in.

All forms of art are in constant change, but more than others cinema fluctuates as it balances industry on one side and artistic expression on the other. I am interested in bridging, removing and exposing some of these constraints to create new personal methods of production––building on traditional elements of storytelling, experimental techniques in narrative, documentary forms of participation and available projection technology.


SUPPORT

People: (the production crew is continuously evolving and is composed of Roma Est community members, John Cabot University students/professors and friends made along the way.)

Benedetta Annecchini—curatorial and production assistance (jcu internship); Brancoro—music; Brunella Antomarini—consultation; Clara A.—production assistance; Sabrina Baldacci—consultation; Francesco Carlesi—camera assistance (jcu internship); Andrea Cincotti—camera and pr assistance (jcu internship); Enzo De Martino—production assistance; Liryc Dela Cruz—camera and curatorial assistance; Donatella Della Ratta—consultation and curatorial assistance—Vicenzo Della Ratta—translation support; Lorenzo Esposito—consultation; Massimo Eternauta—production support; Chiara Feliciani—production assistance; Giulia Fiocca—production and research assistance; Peggy Firestone/Cxas/3W—support and consultation; Matilde Fracassi—archival assistance; Lavinia Giardina—camera and editing assistance; Barbera Greco—production, curatorial and camera assistance (jcu internship); Valentina Iaco—coordination and canoe trips; Sabrina Italia—pr assistance (jcu internship); Igor Legari—music; Maria Lepre—archive assistance; Ludovica Manzo—music; Massimiliano Micheli—production assistance; Manuela Paravani—camera assistance; Maurizio Pastano—lake assistance; Federico Petrolati—consultation; Lorenzo Romito—production and research assistance; Roberto Ronzulli—drone recording; Elena Ruggiero—post-production assistance (jcu internship); Marco Salerosso—organizational assistance; Francesca Sapio—camera assistance (jcu internship); Spairo Sapiranio—production assistance; Yva Stanisic—music; Alessandra Valentinelli—research; Massimo Vattani—projection assistance.

Organizations:
Centro di Documentazione Territoriale Maria Baccante. http://www.archivioviscosa.org
Comitato del Quartiere Pigneto Prenestino. https://www.facebook.com/ComitatodiQuartierePignetoPrenestino
– Csoa Ex Snia. https://www.facebook.com/csoaexsnia
– Forum Territoriale Permanente del Parco delle Energie. forumenergie@inventati.org
– John Cabot University, Department of Communications. https://www.johncabot.edu/communications/
– Lago Bullicante Ex Snia. https://lagoexsnia.wordpress.comhttps://www.facebook.com/lagoexsnia
– Logos—Festa della Parola. http://www.logosfest.org
– Orizzontale. http://www.orizzontale.org/en/
– Rigenera. https://www.facebook.com/rigeneraroma/

– Spazio Comune Cinema Aquila (SCCA). https://riapriamoilcinemaaquila.wordpress.com
– Stalker/NoWorking Collective. https://www.facebook.com/StalkerNoworking
– Virginio Ferrari Foundation. https://virginioferrarifoundation.org


MISCELLANEOUS 

Porta Maggiore Film Press:
– 03/20/2020. «Marco Asilo», proiezioni per i cuori in quarantena, Il Manifesto. PDF.  https://ilmanifesto.it/marco-asilo-proiezioni-per-i-cuori-in-quarantena/
– 03/20/2020. Life under lockdown: Art for the quarantined heart, Kay Wallace, La Republica. PDFhttps://the-view-from-rome.blogautore.repubblica.it/2020/03/20/life-under-lockdown-art-for-the-quarantined-heart/
– 03/20/2020. Il cinema proiettato sulle case – In diretta da Roma, ANSA. https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2020/03/20/il-cinema-proiettato-sulle-case-in-diretta-da-roma_cdcbc9ba-ef5b-4c97-900d-8057538a504f.html
– 03/31/2020. ‘Iedereen klaar om te klikken? 3, 2, 1… Dan mag je nu de film starten’ – NRC. PDF. https://www.nrc.nl/nieuws/2020/03/31/alsof-iemand-door-het-raam-naar-je-zwaait-a3995436
– 03/31/2020. JCU Communications Department Participates in Home Projections (for the Quarantined Hearts) by Elisa Aceri, March 31, 2020. PDF.  https://news.johncabot.edu/2020/03/home-projections-for-quarantined-hearts/
– 04/25/2020. «Passeggiate partigiane» per festeggiare la liberazione. Eventi. L’iniziativa di «Marco Asilo – La casa ospitale» e Quell@ del 25 aprile, Il Manifesto. PDF.  https://ilmanifesto.it/passeggiate-partigiane-per-festeggiare-la-liberazione/
– 04/2020. Internationale Kurzfilmtage, Oberhausen, Germany. April, 2020, Dana Linssen in conversation with Marco G. Ferrari: Rigenera Roma. https://vimeo.com/405768250
– 06/01/2020. Helena Magon Pedreira de Cerqueira, “Horizons and fireflies (and the present time)” pp. 75-97  in “v8-n8 2020-Revista ARA 8 Outono-Inverno 2020 Imagem Deslocamento” (published 06/01/2020, Universidade de São Paulo. Faculdade de Arquitetura e Urbanismo, ISSN: 2525-8354). PDFhttps://www.revistas.usp.br/revistaara/issue/view/11498. Article abstract: Starting from the firefly metaphor suggested by Pier Paolo Pasolini, then further discussed by G. Didi-Huberman in Survival of the fireflies, this essay  also reflects themes illuminated by Walter Benjamin. In brief dialogue with other authors, the study takes a look at experiences of perception, apprehension and creation of images  that may erupt a flash of blindness in the contemporary world.
– 06/16/2021. rome-accidental-lake-is-an-urban-refuge-and-catalyst-for-activism_06-16-2021_lidija-pisker_atlas-obscura. PDFhttps://www.atlasobscura.com/articles/rome-lake-ex-snia

Porta Maggiore Film Auxiliary Texts:
– mgf_rigenera-statement_02-14-2020: PDF
– mgf_porta-maggiore-exhibit-proposal-to-forum-parco-energie_01-2020_marco-g-ferrari: PDF

Lago Bullicante Exsnia Reference Texts:
– paradoxical-environmental-conservation-failure-of-an-unplanned-urban-development-as-a-driver-of-passive-ecological-restoration_2017_battisit-dodarof-anelli_enviornmental-development-transdisciplinary-journal-of-scope. PDF (english original). PDF (italian translation) https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S2211464517300593?via%3Dihub
– the-archive-and-the-lake-labor-toxicity-and-the-making-of-cosmopolitical-commons-rome-italy_05-2019_miriam-tola_envioromental-humanities. PDF
– a-construction-mistake-in-rome-that-created-a lake-and-united-a-neighborhood_2020_francesco-pasta_failed-architexture. PDF
– stai-dalla-parte-giusta!-l’appello-alla-sindaca-raggi-per-difendere-area-ex-snia_05-06-2021_alessandra-valentinelli_roma-ricerca-roma. PDF



INTRODUZIONE

Nonostante la sua storia millenaria, la città di Roma è oggi impegnata ad affrontare la complessa sfida di costruire sul proprio passato, trovandosi a combattere per risolvere i conflitti di ordine sociale, politico e ambientale che l’attanagliano. Le relazioni tra ambienti naturali e artificiali esistenti all’interno della città possono essere viste come fasi o spazi liminali in cui determinate tensioni emergono e dove contesti a metà tra l’individuale e il collettivo, tra la resistenza e l’accettazione, tra lo sviluppo e l’abbandono si confrontano, rivelando spesso un senso di alienazione da essi stessi e dalla natura. E più si procede lontano dal centro cittadino, più queste tensioni aumentano. Ciononostante, vi sono nelle periferie determinati indicatori di cambiamento che muovono contro questo ciclo di divisione.

Porta Maggiore è un progetto artistico transdisciplinare in cinque parti, generato dalla produzione di un lavoro cinematografico che esplora il rapporto tra ambienti naturali e artificiali nei sobborghi della periferia orientale romana, un’area nota come Roma Est. Il lavoro è permeato da una serie d’indagini interconnesse, volte tra l’altro a mettere in comunicazione lo spettacolo della realizzazione cinematografica e il processo d’individuazione, nonché a collegare la ricerca degli spazi liminali della periferia al senso d’alienazione che si cela dietro di essi; a interrogare le forme di resistenza e accettazione insite nel processo di cambiamento, e il desiderio di trovare l’unità tra la dimensione individuale e collettiva all’interno di una presunta cultura ‘post-fascista’.

Le cinque parti che costituiscono il progetto sono: Corso di cinema, Film, Proiezioni notturne, Comunità e azioni, e Mostra personale.

– Corso di cinema: Insegnamento di un breve corso di cinema sperimentale gratuita presso il centro sociale Ex Snia dal titolo L’io e L’alterità. Il corso ha riunito più di 20 registi provenienti da tutta Roma di vari livelli di esperienza di produzione e di gruppi di età (marzo-maggio 2018. Durante l’intero progetto si sono svolti anche stage per studenti della John Cabot University, riguardanti aspetti della produzione e della curation.

– Film: la storia di un regista che, in una sorta di viaggio attraverso la periferia romana alla ricerca di una storia, mette insieme diverse strategie di narrazione filmica (quali il documentario, la fiction e le proiezioni) in un unico lungometraggio. (riprese: marzo 2017-giugno 2021, montaggio finale previsto per febbraio 2022). 

– Proiezioni notturne: all’interno della produzione del film ci saranno quattordici installazioni di proiezioni in esterno aperte al pubblico, che saranno registrate e usate come scene del film. (ottobre 2018-aprile 2021).

– Comunità e attivismo: Il progetto è autofinanziato e sostenuto dai residenti e dalle organizzazioni del quartiere Pigneto-Prenestino. La produzione e l’esposizione finale sono il risultato di un dialogo lungo quattro anni con il territorio in cui è prodotto e sarà alla fine proiettato il film. Questo dialogo include l’organizzazione di proiezioni e eventi gratuite e aperte al pubblico, produzione di video e la partecipazione ad assemblee e manifestazioni (febbraio 2017-giugno 2021).  

Lavori–immagini in movimento:

Progetti curatoriali:

 – Mostra personale: il film prevede la realizzazione di una serie di oggetti, stampe e istallazioni video. Questi lavori saranno esposti in una mostra che avrà luogo nella location principale del film, a Roma Est, Casa del Parco, Parco delle Energie (dove ha sede un’associazione culturale vicina al centro sociale Ex Snia) per la primavera 2022.

Mostre preliminare:


FILM PROPOSTA

Storia (in un cerchio un triangolo prova a liberarsi da un quadrato): Immerso in un’atmosfera incantata, questo film semi-documentario narra gli spostamenti di un regista alla ricerca di una storia, effettuati mentre perlustra quattordici location esterne tra i paesaggi suburbani di Roma Est. La sua ricerca comincia a Cinecittà, un tempo sede di popolari studios cinematografici situati ai limitari orientali della città, e prosegue verso l’entrata orientale della città, Porta Maggiore, un’antica porta romana posta alla congiunzione di due acquedotti. Durante la perlustrazione ciclica delle potenziali location, questioni politiche, ambientali e sociali vengono alla luce e prendono la consistenza di storie, portando in superficie battaglie personali dall’aspetto onirico. A conclusione delle sue peregrinazioni vi è la scoperta della location centrale del film: il Lago Ex Snia, un lago naturale, con relativo ecosistema, formatosi di recente a causa dell’intervento fortuito e illegale dell’uomo all’interno di una fabbrica di viscosa abbandonata. Questo evento, insieme all’incontro con la comunità dei residenti che si prende cura della salvaguardia del lago, sconvolge le intenzioni del regista, mettendo in discussione i limiti della sua arte, la sua identità in quanto regista e la natura della trasformazione.

Metodologia: Radicate nell’osservazione, nella fiction e nella performance sono proprio le peregrinazioni del regista a diventare la storia centrale del film, costituita da narrazioni interconnesse, riunite in un lungometraggio e in un’istallazione video. 

Da gennaio 2017 a giugno 2021 tre metodi di produzione filmica – documentario, fiction e proiezioni – saranno applicati a ognuna delle quattordici location perlustrate dal regista a Roma Est. Queste location verranno utilizzate in due modi: in quanto personaggi che comunicano l’idea centrale di una scena specifica, combinando l’uso di dialoghi scritti, improvvisazione e filmati documentari; e come palcoscenici pubblici, dove l’atto di filmare e delle proiezioni notturne è inteso come una installazione ed è aperto all’interazione del pubblico.

Riflettente questi tre metodi di produzione filmica è l’Immaginazione Attiva – una tecnica di meditazione junghiana utilizzata nel processo di individuazione, intesa a portare alla coscienza l’inconscio personale e collettivo, creando la possibilità di un cambiamento psicologico. Ciò è possibile attraverso tre livelli; 1) osservativo – riconoscere una sensazione; 2) fantastico/onirico – entrare in una sensazione e affrontarla; 3) esteso – astrarre e dissolvere la sensazione familiarizzando con essa. Attraverso questo processo conoscitivo, le qualità sconosciute della sensazione divengono note e perdono il potere limitante che hanno sull’individuo, consentendo un incontro armonico con la sensazione, la quale viene percepita sotto un’ottica estesa.

Il rispecchiamento tra la produzione filmica e la tecnica junghiana è indagato nei seguenti modi:
– Le storie a sfondo documentaristico rappresentano la ricerca del regista – riflettendo l’osservazione di una sensazione.
– Le scene di finzione rappresentano i sogni e le fantasie del regista – riflettendo l’idea di entrare in una sensazione.
– Le installazioni di proiezioni notturne pubbliche rappresentano l’incontro dei due modi di produzione precedenti, costituendone un terzo, l’ottica estesa del regista, nella quale parti delle storie a sfondo documentaristico e delle scene di finzione di una specifica location sono proiettate su di una struttura esteriore presente nella location – riflettendo una familiarità con la sensazione, che viene dissolta e percepita sotto una nuova prospettiva. Le proiezioni pubbliche sono concepite come parte integrante del film, poiché in questa produzione un’interazione con il pubblico è fortemente ricercata. In quest’occasione saranno effettuate interviste con il pubblico e/o una performance coreografata verrà inscenata di fronte alle proiezioni. L’intero evento sarà documentato per essere incluso nel film, creando una forma di mise-en-abyme.


ESPOSIZIONE PROPOSTA

Primavera 2022, Casa del Parco, Sala Ovale, Parco delle Energie, via Prenestina 175, Roma (un’associazione culturale indipendente vicina al centro Sociale Ex Snia, situato nello stesso complesso).

– Lo spazio interno dell’associazione culturale ospiterà un’istallazione video su larga scala e una serie di oggetti video.
– Una serie di dibattiti, performance/installazioni e workshop sulle tematiche del progetto saranno organizzate nell’arco di tutto il mese in collaborazione con altri artisti e studiosi.
– Logos Festival della Parola: per massimizzare l’audience e la collaborazione con l’Ex Snia, gli eventi summenzionati saranno organizzati in congiunzione con Logos Festival della Parola.
– Nuovo Cinema Aquila: possibilità di una proiezione di una versione del film completo presso il cinema di quartiere.
– Catalogo stampato: produzione di un catalogo a colori di 36 pagine contenente le immagini dell’esposizione, fotogrammi, schizzi e testi dell’artista. L’introduzione sarà curata da Brunella Antomarini, PhD, insegnante di estetica e fenomenologia presso la John Cabot University; Peter Saram, PhD, Professore Associato di Media and Communication Studies presso la John Cabot University; e Federico Petrolani, insegnante di filosofia e residente del quartiere Pigneto.


CRONOLOGIA DEL PROGETTO 

– Gennaio-Maggio 2017: Marco giunge a Roma per insegnare presso la John Cabot University. Risiede nel quartiere Pigneto e comincia a documentare l’occupazione del Nuovo Cinema Aquila e le negoziazioni tra la comunità dei residenti e le autorità locali. Presenta il suo lavoro alla comunità, proietta una serie di opere ed effettua proiezioni sugli esterni del cinema il 30 maggio – l’ultima proiezione prima che questo stabile venga restituito al Municipio (per poi essere riaperto l’autunno seguente).
– Settembre 2017-Settembre 2018: ricerca, riprese preliminari e documentazione delle assemblee di quartiere e delle loro manifestazioni.
– Ottobre 2017: Marco partecipa al Logos Festival organizzato da Ex Snia con una performance intitolata Cinema Espanso.
– Marzo-Maggio 2018: Marco insegna L’io e l’alterità, un corso di cinema gratuito tenuto presso l’Ex Snia.
– Giugno-Ottobre 2018: film pre-produzione e sviluppo.
– Ottobre 2018-Giugno 2021: Riprese dei location e  performance documentaristiche, di fiction e proiezioni pubbliche. Prima proiezione pubblica al Festival Logos (ottobre 2018), utilizzata per valutare concept e produzione.
– Ottobre 2020-Dicembre 2021: montaggio.
– Febbraio 2022: mostra e produzione del catalogo.
– Gennaio-Giugno 2022: traduzione e sottotitoli per circuito dei festival di cinema e arte.


INFORMAZIONI GENERALI 

La periferia di Roma Est: Roma Est è un territorio suburbano dalla forma triangolare, situato nell’est della città di Roma. Al suo interno si trovano aree residenziali densamente popolate, unitamente a fabbriche, piccoli negozi e centri commerciali. Al tempo dell’Impero Romano si presentava come aperta campagna, con acquedotti che raggiungevano il centro cittadino, ville lussuose e catacombe, di cui ancora oggi sono visibili i resti, giustapposti agli edifici moderni.

A partire dal XX secolo, in tempi brevi, progetti industriali e residenziali dell’era fascista, sforzi di ricostruzione post-bellica e la moderna urbanizzazione hanno prodotto una grande trasformazione del paesaggio un tempo aperto, determinando fasi di povertà, di sviluppo, di sovra-sviluppo e di abbandono. Registi italiani come Rossellini e Pasolini hanno dato risalto alle tensioni e alle storie di questo territorio e hanno utilizzato i quartieri di quest’area e/o i loro abitanti come personaggi dei loro film, commentando la lotta di classe, le rivoluzioni portate dalla guerra e gli ideali di stampo socialista. Queste produzioni insieme ad altro folklore locale hanno rinforzato l’identità accogliente e resistente al pensiero fascista che caratterizza questo territorio.

In tempi recenti, tuttavia, questa identità inclusiva è stata messa in difficoltà dalle tensioni economiche, culturali e urbane connesse all’influsso d’immigrati africani, asiatici e rom nell’area; dalla gentrificazione che capitalizza sulla decadenza del territorio; dal consumo e dall’intrattenimento che si sostituiscono alle forme culturali tradizionali; dalla perdita sempre più evidente degli spazi naturali e dei benefici connessi.

Il Lago Ex Snia – Il lago che combatte: Opposte a queste tendenze, vi sono segmenti della comunità locale tenuti insieme dai comitati di quartiere e da alcuni centri sociali indipendenti che, attraverso il sostegno e la riproposizione di usanze legate alla tradizione, di una programmazione culturale, nonché attraverso l’organizzazione di proteste politiche, resistono attivamente alle tensioni che il quartiere sta vivendo, con il beneficio di fornire, allo stesso tempo, un senso d’inclusione agli abitanti del quartiere. Nell’area Pigneto-Prenestino vi è una rete di questi gruppi, coordinati tra loro per la salvaguardia del Lago Ex Snia – un lago naturale, con relativo ecosistema, formatosi di recente a causa dell’intervento fortuito e illegale dell’uomo all’interno di una fabbrica di viscosa abbandonata.

Il lago è l’unico lago “naturale” di Roma e la sua origine è legata all’attività di un costruttore che, intenzionato a realizzare illegalmente un centro commerciale nel vecchio complesso industriale, ha intercettato una falda sotterranea. Un lago, dunque, si è formato attorno alla struttura incompleta di ciò che sarebbe diventato un centro commerciale, ancora oggi visibile all’interno del bacino lacustre. Nei lunghi anni in cui il costruttore è stato sotto processo, un ecosistema si è andato a sviluppare, favorito dal fatto che il lago si trova in un’area chiusa al pubblico. La comunità dei residenti, venuta a sapere dell’esistenza del lago e per prevenire ulteriori costruzioni illegali, ha occupato il territorio contiguo al lago e sin da allora si è impegnata per la sua salvaguardia, anche attraverso i canali istituzionali, proponendo per il lago l’acquisizione dello status di monumento naturale presso le istituzioni locali e regionali, le quali ancora devono pronunciarsi.

La psicologia di Jung: Gli insegnamenti di Carl Gustav Jung sono basati sull’idea che lo scopo della vita è di raggiungere uno stato di coscienza dell’essere, che sia al tempo stesso integro e completo. Questa integrità è raggiunta attraverso l’Individuazione – il processo attraverso cui una persona fa confluire contenuti inconsci nella coscienza, divenendo così un individuo psicologicamente integro. A sua volta, questa è la Realizzazione del sé, vale a dire la liberazione dalla sfera personale e l’identificazione con l’inconscio collettivo – un dialogo continuo tra l’ego e il , in cui l’ego è relativizzato.

L’individuazione può schiudersi soltanto nel contesto di una relazione con gli altri. Nella prima parte della vita, l’individuazione assume la fisionomia dell’adattazione alla cultura; nella seconda parte, l’ego si volge all’interno e affronta il terreno archetipale posto dietro di esso. L’individuazione è l’espressione umana dell’impulso congenito della vita diretto alla crescita, l’espansione e lo sviluppo delle capacità innate. È dunque allo stesso tempo una sintesi e un’entelechia del sé, una creazione del nuovo e un’espressione di qualcosa che è già presente in forma germinale. L’individuazione non è una strada lineare, ma è una spirale attorno al . L’individuazione comincia con la colpa e con il bisogno di espiazione dovuto alla separazione dalla conformità, per controbilanciare la quale si deve opporre un peso equivalente: valori che aiutino la comunità.

Cinema Espanso: Il cinema ha oscillato tra forme tradizionali di narrazione dirette verso approcci più sperimentali e l’esibizione di sé. Registi del passato gravitanti a Roma – come Pasolini, Fellini e Antonioni – spinsero in avanti l’idea di film attraverso i loro metodi di lavorazione e i loro soggetti. Tuttavia, le loro opere erano ancorate alla proiezione nelle sale cinematografiche, luoghi bui e circoscritti, contesti che impedivano la possibilità di un dialogo diretto con l’artista. L’uso di proiettori al di fuori delle sale cinematografiche, unitamente a istallazioni e video art, non rappresenta una nuova metodologia. Infatti, numerosi artisti a partire dagli anni ’60 del secolo scorso hanno ristabilito l’idea di cinema espanso, trattando il film come un materiale piuttosto che come un mezzo, dando importanza al dialogo con lo spettatore, e spesso chiedendo al pubblico di spostarsi con l’opera e attorno ad essa. Nel corso degli anni, tuttavia, quest’approccio è stato istituzionalizzato con l’ingresso delle istallazioni video nei musei ad uso e consumo di un pubblico ben determinato. Infine, il live cinema, il vjing e il video mapping sono diventati forme popolari di espressione, contribuendo a cambiare la forma stessa del cinema, così come il luogo fisico in cui è fruito, attraverso l’utilizzo di una tecnologia di proiezione a basso costo. Tuttavia, molte di queste esperienze audiovisuali restano legate all’idea d’intrattenimento ed evitano di stabilire una relazione con il luogo in cui sono proiettate o in cui sono prodotte. 

Tutte le forme d’arte sono in continua evoluzione, ma, più delle altre, il cinema è particolarmente instabile, in quanto si trova stretto tra l’industria, da una parte, e l’espressione artistica, dall’altra. Sono interessato a costruire ponti, eliminare ed esporre alcuni di questi limiti per creare nuove metodologie personali del trattamento del materiale – basate sugli elementi tradizionali del racconto, sulle tecniche sperimentali della narrazione, sulle forme documentaristiche della partecipazione e sulla tecnologia di proiezione disponibile.


SOSTEGNO

Persone: Il team di produzione è in continua evoluzione ed è composto dai membri della comunità di Roma Est, dagli studenti della John Cabot University e da nuovi ed eventuali sostenitori.

Benedetta Annecchini—assistenza curatoriale (jcu internship); Brancoro, musica; Brunella Antomarini—consultazione; Clara A.—assistente di produzione; Sabrina Baldacci—consultazione; Francesco Carlesi—assistente di produzione (jcu internship); Andrea Cincotti—assistente di produzione (jcu internship); Enzo De Martino—consultazione e produzione; Liryc Dela Cruz—assistente di produzione; Donatella Della Ratta—consultazione e assistenza curatoriale; Vicenzo Della Ratta—traduzione; Lorenzo Esposito—consultazione; Massimo Eternauta—produzione assistenza; Chiara Feliciani—assistente di produzione; Giulia Fiocca—assistenza di produzione e ricerca; Peggy Firestone/Creative Asylum/3W—support and consultation; Matilde Fracassi—archivio assistenza; Lavinia Giardina—assistente di produzione e montaggio; Barbera Greco—assistenza curatoriale, produzione e montaggio (jcu internship); Valentina Iaco—coordinzaione per le gite in canoe; Sabrina Italia—assistenza pr (jcu internship); Igor Legari—musica; Maria Lepre—archivio assistenza; Ludovica Manzo—musica; Massimiliano Micheli—produzione e musica; Manuela Paravani—assistente di produzione; Maurzio Pastano—assistenza al lago; Federico Petrolati—consultazione; Lorenzo Romito—assistenza di produzione e ricerca; Roberto Ronzulli—riprese drone; Elena Ruggiero—post-production assistance (jcu internship); Marco Salerosso—assistenza di produzione e ricerca; Francesca Sapio—assistente di produzione (jcu internship); Spairo Sapiranio—assistenza di produzione e ricerca; Yva Stanisic—musica; Alessandra Valentinelli—ricerca; Massimo Vattani—proiezione assistenza.

Organizzazioni
Centro di Documentazione Territoriale Maria Baccante.
 http://www.archivioviscosa.org
Comitato del Quartiere Pigneto Prenestino. https://www.facebook.com/ComitatodiQuartierePignetoPrenestino
– Csoa Ex Snia. https://lagoexsnia.wordpress.com; https://www.facebook.com/csoaexsnia
– Forum Territoriale Permanente del Parco delle Energie. forumenergie@inventati.org
– John Cabot University, Department of Communications. https://www.johncabot.edu/communications/
– Lago Bullicante Ex Snia. https://lagoexsnia.wordpress.com; https://www.facebook.com/lagoexsnia
– Logos—Festa della Parola. http://www.logosfest.org
– Orizzontale. http://www.orizzontale.org/en/
– Rigenera. https://www.facebook.com/rigeneraroma/

– Spazio Comune Cinema Aquila (SCCA). https://riapriamoilcinemaaquila.wordpress.com
– Stalker/NoWorking Collective. https://www.facebook.com/StalkerNoworking
– Virginio Ferrari Foundation. https://virginioferrarifoundation.org


MISCELLANEO 

Porta Maggiore Film–Stampa:
– 03/20/2020. «Marco Asilo», proiezioni per i cuori in quarantena, Il Manifesto. PDF.  https://ilmanifesto.it/marco-asilo-proiezioni-per-i-cuori-in-quarantena/
– 03/20/2020. Life under lockdown: Art for the quarantined heart, Kay Wallace, La Republica. PDFhttps://the-view-from-rome.blogautore.repubblica.it/2020/03/20/life-under-lockdown-art-for-the-quarantined-heart/
– 03/20/2020. Il cinema proiettato sulle case – In diretta da Roma, ANSA. https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2020/03/20/il-cinema-proiettato-sulle-case-in-diretta-da-roma_cdcbc9ba-ef5b-4c97-900d-8057538a504f.html
– 03/31/2020. ‘Iedereen klaar om te klikken? 3, 2, 1… Dan mag je nu de film starten’ – NRC. PDF. https://www.nrc.nl/nieuws/2020/03/31/alsof-iemand-door-het-raam-naar-je-zwaait-a3995436
– 03/31/2020. JCU Communications Department Participates in Home Projections (for the Quarantined Hearts) by Elisa Aceri, March 31, 2020. PDF.  https://news.johncabot.edu/2020/03/home-projections-for-quarantined-hearts/
– 04/25/2020. «Passeggiate partigiane» per festeggiare la liberazione. Eventi. L’iniziativa di «Marco Asilo – La casa ospitale» e Quell@ del 25 aprile, Il Manifesto. PDF.  https://ilmanifesto.it/passeggiate-partigiane-per-festeggiare-la-liberazione/
– 04/2020. Internationale Kurzfilmtage, Oberhausen, Germany. April, 2020, Dana Linssen in conversation with Marco G. Ferrari: Rigenera Roma. https://vimeo.com/405768250
– 06/01/2020. Helena Magon Pedreira de Cerqueira, “Horizons and fireflies (and the present time)” pp. 75-97  in “v8-n8 2020-Revista ARA 8 Outono-Inverno 2020 Imagem Deslocamento” (published 06/01/2020, Universidade de São Paulo. Faculdade de Arquitetura e Urbanismo, ISSN: 2525-8354). PDFhttps://www.revistas.usp.br/revistaara/issue/view/11498. Article abstract: Starting from the firefly metaphor suggested by Pier Paolo Pasolini, then further discussed by G. Didi-Huberman in Survival of the fireflies, this essay  also reflects themes illuminated by Walter Benjamin. In brief dialogue with other authors, the study takes a look at experiences of perception, apprehension and creation of images  that may erupt a flash of blindness in the contemporary world.
– 06/16/2021. r
ome-accidental-lake-is-an-urban-refuge-and-catalyst-for-activism_06-16-2021_lidija-pisker_atlas-obscura. PDF.  https://www.atlasobscura.com/articles/rome-lake-ex-snia

Porta Maggiore Film–Testi ausiliari:
– mgf_rigenera-statement_02-14-2020. PDF
– mgf_porta-maggiore-exhibit-proposal-to-forum-parco-energie_01-2020_marco-g-ferrari. PDF

Lago Bullicante Exsnia–Testi di riferimento:
– paradoxical-environmental-conservation-failure-of-an-unplanned-urban-development-as-a-driver-of-passive-ecological-restoration_2017_battisit-dodarof-anelli_enviornmental-development-transdisciplinary-journal-of-scope. PDF (english original). PDF (italian translation) https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S2211464517300593?via%3Dihub
– the-archive-and-the-lake-labor-toxicity-and-the-making-of-cosmopolitical-commons-rome-italy_05-2019_miriam-tola_envioromental-humanities. PDF
– a-construction-mistake-in-rome-that-created-a lake-and-united-a-neighborhood_2020_francesco-pasta_failed-architexture. PDF
– stai-dalla-parte-giusta!-l’appello-alla-sindaca-raggi-per-difendere-area-ex-snia_05-06-2021_alessandra-valentinelli_roma-ricerca-roma. PDF